Si può donare quando si sta prendendo una medicina?

Occorre sottolineare è che in generale non è tanto il farmaco in sé a costituire un’eventualmente controindicazione alla donazione, bensì la malattia per il quale il farmaco stesso è stato assunto. Verrà perciò sempre chiesto al donatore la ragione per la quale si sta assumendo quel determinato medicamento: in base alla patologia in causa si stabilirà se esistono o meno controindicazioni alla donazione.
Nello specifico, i farmaci antinfiammatori non costituiscono in sé una controindicazione alla donazione, ma tenuto conto che sono in grado di interferire con la funzionalità delle piastrine, è importante per il medico trasfusionista conoscere il dato di un’eventuale loro assunzione nei 5 giorni precedenti la donazione. In caso di risposta positiva non è possibile utilizzare le piastrine del sangue donato, ma solo i globuli rossi ed il plasma.